Il dissenso sul Web è un fenomeno sempre più decisivo e ormai imprescindibile nella dinamica della comunicazione di iniziative imprenditoriali che possano avere un impatto sull’ambiente o sulla società. Aumenta, infatti, la frequenza e la connessione tra di loro di diverse proteste in Rete di cittadini e organizzazioni contro progetti di nuove opere ed infrastrutture.

Riprendendo questi temi e continuando il percorso iniziato l’anno scorso, Public Affairs Advisors e Fleed Digital Consulting, presenteranno il prossimo 20 ottobre a Roma la seconda edizione del Rapporto sui fenomeni di opposizione a infrastrutture, grandi reti e investimenti industriali, intitolato “#NO 2.0 – COME IL DISSENSO COMUNICA SUL WEB”. Visto l’interesse riscontrato e la qualità del materiale ottenuto nella prima edizione, quest’anno lo studio ha condotto un’analisi di circa 100.000 fonti Web in lingua italiana in relazione a un perimetro cronologico di 12 mesi (dal 1 maggio 2015 al 30 aprile 2016). Si tratta di oltre 412.657 contenuti prodotti e condivisi da account pubblici.

L’analisi si è svolta raggruppando le varie opposizioni territoriali in 6 macro categorie: NO TRIV, NO TAV, Xylella, NO TTIP, NO Opere/Infrastrutture e NO Rifiuti. Questi sono risultati i più grandi “casi di dissenso” in termini di discussioni prodotte. Il Rapporto, inoltre, è arricchito da riflessioni sul tema di rappresentanti politici e referenti aziendali. Dalla vastità dei dati raccolti è stato possibile individuare le dinamiche e i protagonisti che rendono questi fenomeni così potenti e virali. Uno su tutti il ruolo – emerso dallo studio dello scorso anno ma ormai diventato preponderante – che il MoVimento 5 Stelle gioca nel dibattito Web 2.0.

Il convegno, che si svolgerà dalle ore 9.30 presso l’Hotel Nazionale, in piazza Montecitorio, vedrà la partecipazione di esponenti del mondo aziendale, accademico, associativo e politico, e creerà l’occasione di un confronto tra gli stakeholder coinvolti, presentando quanto è emerso dallo studio sul fenomeno del dissenso sul Web 2.0.

Registrazioni e contatti.

A breve sarà disponibile il programma.

PAA DISPATCH